I benefici di una dieta ricca di uova

ottobre 20, 2014

I benefici di una dieta ricca di uova

Alcuni ricercatori dell’Università di Sydney, in Australia, hanno dimostrato che l’assunzione regolare di uova nella dieta non ha un effetto negativo sui livelli lipidici nei pazienti con diabete di tipo 2 e, inoltre, una dieta ricca di uova durante un periodo di 3 mesi è stata associata a un migliore controllo dell’appetito con una garanzia di maggiore sazietà.

Ciò suggerisce che una dieta ricca di uova può essere introdotta con sicurezza come parte integrante della dieta nei pazienti con diabete di tipo 2.

Lo studio è stato motivato soprattutto dalla percezione negativa diffusa che si ha verso il consumo di uova da parte dei pazienti con diabete di tipo 2.

Nel passato vari studi epidemiologici hanno inoltre indicato che il consumo elevato di uova, anche se non associata a esiti avversi cardiovascolari nella popolazione generale, poteva essere associato a esiti cardiovascolari peggiori nelle persone con diabete di tipo 2.

Le linee guida nazionali sul consumo di uova e la totale assunzione di colesterolo alimentare sono inconcludenti e variano anche notevolmente tra i diversi paesi.

In molti paesi, per esempio in Australia, il National Heart Foundation raccomanda un massimo di 6 uova a settimana come parte di una dieta a basso contenuto di acidi grassi saturi per le persone sane e in quelli con diabete di tipo 2. Invece, negli Stati Uniti, le linee guida raccomandano la concentrazione di colesterolo nella dieta a un limite minimo di 300 mg / die (1 uovo ha circa 200 mg di colesterolo) per individui sani e suggeriscono a quelli con il diabete di tipo 2 almeno 4 uova a settimana.

Lo studio prospettico, randomizzato e controllato condotto dai ricercatori australiani ha esplorato i risultati sulle condizioni di salute in persone che seguono una dieta con un’assunzione elevata di uova che avevano sia il prediabete o il diabete di tipo 2.

Lo studio, durato per 3 mesi, è stato anche uno studio di mantenimento del peso.

I pazienti hanno partecipato ai controlli mensili e hanno avuto una guida scritta per ogni tipo specifico di alimenti e per le quantità che potevano essere consumate, con particolare enfasi sul miglioramento della gestione del diabete e sulla sostituzione di alimenti contenenti grassi saturi con alimenti contenenti grassi monoinsaturi e grassi polinsaturi.

Un totale di 140 partecipanti con un indice di massa corporea (BMI) di almeno 25 mg / m2 sono stati reclutati, formando un gruppo a bassa assunzione di uova (meno di 2 uova a settimana e l’assunzione di proteine ​​per corrispondere a quello del gruppo ad alto uovo) o 2 uova al giorno a colazione per 6 giorni a settimana ( gruppo ad alta assunzione di uova).

I lipidi sono stati valutati in ciascun gruppo.

I risultati hanno mostrato nessuna differenza significativa tra i due gruppi nei livelli di colesterolo HDL nel periodo di studio. Ma nel gruppo ad alta assunzione di uova, c’è stata una tendenza al miglioramento dell’ HDL di 0,034 mmol / L.

Non c’erano differenze riscontrate tra i 2 gruppi riguardo alle lipoproteine ​​a bassa densità, ai trigliceridi, o del controllo glicemico.

Questo studio ha suggerito che ciò potrebbe essere una possibile motivazione per la ricerca futura nella conferma se una dieta ricca di uovo nei pazienti con diabete di tipo 2 ha effettivamente capacità ad aumentare il colesterolo HDL.

Sappiamo che si è dimostrato che il colesterolo HDL può ridurre gli eventi cardiovascolari nelle persone con diabete di tipo 2.

Un ulteriore miglioramento del colesterolo HDL potrebbe essere trovato se lo studio potesse avere una durata maggiore.

Per il gruppo ad alta assunzione di uova si è riportato un minor senso di fame e un maggiore senso di sazietà dopo i pasti.

Le uova possono anche aiutare alla perdita di peso maggiore con un ricupero minore di peso rispetto a una dieta tradizionale, a causa della maggiore sazietà e alla minore fame riportata.

Entrambe le diete erano ben accettate, ma il gruppo ad alta assunzione di uova ha evidenziato un’incidenza significativamente maggiore del godimento dei cibi, una minor noia, e una maggiore soddisfazione con la dieta.

Abstract