La qualità del sonno con una dieta sana

gennaio 25, 2016

La qualità del sonno con una dieta sana

Un nuovo studio ha scoperto che una dieta ricca di fibre e povera di grassi saturi e zucchero è associata a un sonno più profondo, più ristoratore e con meno risvegli.

È meglio per i disturbi del sonno una dieta che includa più fibre e meno grassi saturi e zuccheri.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Sleep Medicine Clinical, è stato condotto dall’Istituto di Nutrizione Umana presso la Columbia University Medical Center di New York.

Per dormire bene la notte si consiglia di aumentare l’assunzione di frutta, verdura e cereali integrali e mangiare cibi meno elaborati. Questa è una dieta sana che incide favorevolmente nei casi di rischio cardiovascolare.

Per lo studio sono stai arruolati 26 adulti di peso normale di età compresa tra i 30 ei 45 anni che non hanno mai avuto alcun problemi di sonno e sono stati monitorati per 5 notti in un laboratorio del sonno, trascorrendo 9 ore a letto ogni notte dalle 10:00 alle 07:00.

I dati oggettivi del sonno sono stati raccolti ogni notte con la polisonnografia.

Durante i primi 4 giorni, i partecipanti hanno consumato una dieta controllata; il giorno 5, l’assunzione di cibo è stato auto-selezionato.

I risultati hanno mostrato che la durata del sonno non differiva dopo i giorni di alimentazione controllata contro il giorno di assunzione di cibo auto-selezionato. Tuttavia, la qualità del sonno era diversa, con meno sonno a onde lente profonda.

L’analisi degli alimenti consumati ha dimostrato che una maggiore assunzione di fibre ha predetto di meno la fase 1 (molto leggero) con più sonno a onde lente.

La percentuale di assunzione di grassi saturi prevedeva meno ore di sonno a onde lente, e la percentuale più elevata di assunzione di zucchero e altri carboidrati erano associati con più risvegli.

Lo scopo originale dello studio era di indagare se il sonno è un fattore causale nello sviluppo dell’obesità.

I risultati di questa parte dello studio ha dimostrato che le persone tendono a mangiare troppo quando il sonno è limitato e in particolare aumentano la loro assunzione di grassi.

Ciò che si mangia influenza la qualità del sonno, e i risultati attuali suggeriscono che questo sembra essere effettivamente il caso.

Se il sonno è limitato, si crea una dieta povera con aumento di grasso e di zucchero, e che a sua volta influenzerà negativamente il sonno. Così diventa un ciclo perpetuo.

L’assunzione di carboidrati ritarda i ritmi circadiani e riduce la secrezione di melatonina, che ritarderebbe l’inizio del sonno. Gli ormoni entrano anche in gioco, in quanto vi è una maggiore consapevolezza del valore di ricompensa del cibo quando il sonno è limitato. E quando siamo stanchi, il nostro processo decisionale non è così disciplinato, quindi siamo più propensi a cedere alla tentazione di mangiare del cibo malsano.

I ricercatori riconoscono che sono necessari ulteriori studi per confermare i risultati. Ma se la dieta si trova a svolgere un ruolo causale nella qualità del sonno, le raccomandazioni a base di una dieta salutare possono essere giustificate per coloro che hanno disturbi del sonno, tra cui l’insonnia, la breve durata del sonno, e la scarsa qualità complessiva del sonno.

I ricercatori aggiungono che questi risultati potrebbero anche avere implicazioni per alcune terapie dietetiche a base di alte percentuali di grassi, di basso contenuto di carboidrati, di dieta chetogenica che è stata promossa per diversi disturbi neurologici.

Aumentare la nostra comprensione dell’impatto della dieta alimentare sul sonno notturno avrà molte ramificazioni importanti e pratiche per la salute pubblica.