La frutta secca protegge dal diabete

agosto 22, 2016

La frutta secca protegge dal diabete

Nuovi studi suggeriscono che l’assunzione della frutta secca, cosiddetta a guscio, potrebbe aiutare a proteggere contro lo sviluppo del diabete di tipo 2 in persone che sono già ad alto rischio per la malattia. I ricercatori hanno riferito dei potenziali benefici dei pistacchi e delle mandorle, i principali della cosiddetta “frutta a guscio”. Lo studio è stato condotto in 49 soggetti prediabetici in sovrappeso o obesi e ha dimostrato che 57 g di pistacchi al giorno per 4 mesi ha ridotto significativamente la glicemia a digiuno, l’insulina e la resistenza all’insulina. È importante sottolineare che non vi è stato alcun cambiamento nel peso corporeo dopo aver mangiato tale frutta. L’altro studio ha riportato di 137 adulti, a rischio elevato per il diabete, che sono stati randomizzati a consumare 43 g di mandorle al giorno – sia come pasto o come spuntino – o senza mandorle, per 4 settimane. Quelli che avevano mangiato la frutta secca percepivano meno la fame e si sentivano più pieni rispetto a coloro che non l’assumevano, e avevano livelli di glicemia postprandiali inferiori, senza provare alcun aumento di peso. La frutta secca è stata trovata essere associata a un ridotto rischio di malattia coronarica attraverso la moderazione del colesterolo LDL, dei trigliceridi, e delle concentrazioni di glicemia. E in studi sul diabete di tipo 2, hanno dimostrato di ridurre il glucosio postprandiale e l’insulina. La frutta secca è ricca, è un cibo denso con un profilo lipidico sano e i pistacchi, in particolare, sono ricchi di carotenoidi antiossidanti. In un altro studio, 54 persone prediabetiche in sovrappeso o obese, sono stati randomizzati con una dieta di controllo o con una dieta a base di pistacchi (57 g al giorno) per 4 mesi. Hanno poi avuto un periodo di pausa di 2 settimane prima di passare a un’altra dieta per altri 4 mesi, per cui gli individui hanno effettivamente agito come controlli di loro stessi. Le diete sono state progettate per essere isocaloriche e modificate in base al peso di ciascuno: la quantità di calorie variava da 1900-2500 al giorno, a seconda del peso della persona. Entrambe le diete erano mediterranee di base, e la dieta di controllo utilizzava l’olio d’oliva al posto dei pistacchi: le diete non differivano nella quantità di acidi grassi saturi e di colesterolo contenuto. Al controllo basale e poi mensile, sono state prese misure antropometriche, la pressione sanguigna è stata misurata, e l’attività fisica è stata valutata. I campioni di sangue sono stati raccolti all’inizio e alla fine di ciascun periodo d’intervento per controllare lo stato emostatico, infiammatorio, ossidativo, e per riportare i marcatori di rischio metabolico. Non ci sono state variazioni statisticamente significative per l’indice di massa corporea (BMI) tra…