Il resveratrolo nella cura dell’ovaio policistico.

ottobre 30, 2016

Il resveratrolo nella cura dell’ovaio policistico.

Un nuovo studio pubblicato online il 18 ottobre sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, suggerisce che gli integratori a base di resveratrolo possono invertire la iperandrogenemia e l’iperinsulinemia associata alla sindrome dell’ovaio policistico (PCOS: è il disordine endocrino più frequente che colpisce le donne in età riproduttiva ed è caratterizzata da una iperplasia delle cellule della teca ovarica, che producono androgeni,).

In un piccolo studio randomizzato in doppio cieco, le donne con PCOS che hanno assunto il resveratrolo per 3 mesi, hanno avuto significativamente un più basso dosaggio di testosterone totale (T) e di deidroepiandrosterone solfato (DHEAS) rispetto alle donne che hanno preso un placebo.

I risultati suggeriscono che il resveratrolo ha effetti sia a livello ovarico che surrenalico, senza cambiamenti significativi nell’ indice di massa corporea (BMI), nel profilo lipidico, o nei marcatori di infiammazione o funzione endoteliale.

Il resveratrolo è un antiossidante che si trova in natura in una varietà di alimenti, tra cui le arachidi, i pistacchi, il cioccolato fondente, i mirtilli, i lamponi e l’uva rossa.

E, data la piccola dimensione del corso di studio, saranno necessari studi molto più grandi con qualsiasi integratore prima che questo possa essere raccomandata di routine come un trattamento.

Nel tentativo di trovare un trattamento migliore, gli autori hanno studiato gli effetti di vari antiossidanti, tra cui il resveratrolo, in colture cellulari ovariche per diversi anni e si è visto come il resveratrolo e altri antiossidanti riducono la crescita delle cellule della teca ovarica e la produzione di androgeni inibendo, molto probabilmente, l’espressione di uno degli enzimi coinvolti nella steroidogenesi.

Sulla base di queste osservazioni, si ipotizza che il resveratrolo potrebbe alleviare l’iperandrogenismo osservato nei pazienti con sindrome dell’ovaio policistico.

Ogni paziente ha avuto almeno due di questi criteri di arruolamento: iperandrogenismo clinico o chimico; oligo- o amenorrea; o ovaio policistico come dimostrato dall’ecografia transvaginale.

L’assunzione di resveratrolo micronizzato è stato alla dose di 1500 mg / die o un placebo per 3 mesi.

Il resveratrolo migliora ilbtestosterone, il DHEAS, e il metabolismo insulinico

Il beneficio maggiore del miglioramento è stato sull’iperandrogenismo e si è visto come la risposta sia stata paragonabile o superiore a quella che si trova in risposta alle pillole anticoncezionali orali o alla metformina. Questi risultati suggeriscono che il resveratrolo può migliorare la capacità del corpo di utilizzare l’insulina e potenzialmente di ridurre il rischio di sviluppare il diabete. Il supplemento può essere in grado di contribuire a ridurre il rischio di problemi metabolici comune nelle donne con PCOS.