Carenza di vitamina D diminuisce gli ormoni sessuali

dicembre 24, 2016

Carenza di  vitamina D diminuisce gli ormoni sessuali

Secondo lo studio del Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis (MESA) effettuato su uomini e donne di età compresa tra i 45 e gli 84 anni, si è riscontrato che bassi livelli di vitamina D sono stati associati a più bassi livelli della globulina legante gli ormoni sessuali (la SHBG) e livelli più alti di testosterone libero in uomini e donne e più bassi livelli di estradiolo e più elevati livelli di deidroepiandrosterone (DHEA) nelle donne – indipendenti dall’indice di massa corporea (BMI) o dallo stato di salute auto-riferito.Tra le donne, con un decremento di 10 ng / ml di vitamina D, è stata associata una diminuzione media di SHBG di 8.29 nmol / L.

Avere una concentrazione minore di livelli di vitamina D può determinare un aumento del rischio di incidenza di malattia cardiovascolare e aterosclerotica, e questo può essere in parte mediato dagli ormoni sessuali come il testosterone e l’estradiolo.

Bassi livelli di vitamina D sono stati collegati con livelli più bassi di testosterone negli uomini, ma il rapporto è stato attenuato dopo la correzione dell’adiposità. Infatti la vitamina D è immagazzinata nelle cellule adipose e gli individui obesi hanno più bassi livelli di vitamina D nel siero.

Così, i ricercatori mirano a esaminare il legame tra la vitamina D e gli ormoni sessuali nei 3017 uomini e nelle 2931 donne che hanno partecipato allo studio MESA e sono stati arruolati in sei siti negli Stati Uniti dal 2000 al 2002.

Il loro livello medio di vitamina D è stato di circa 26 ng / ml, e il 31% degli uomini e il 32% delle donne erano carenti di questa vitamina. Ogni diminuzione di 10 ng / ml di vitamina D è stato collegato a significative differenze di testosterone libero e SHBG negli uomini e nelle donne e estradiolo e DHEA nelle donne.

A seguito di questi risultati preliminari, studi prospettici con misure serie di vitamina D e degli ormoni sessuali sono necessari per determinare le eventuali relazioni temporali, e sono necessari studi clinici per valutare se il trattamento di una condizione di bassi livelli di vitamina D può alterare i livelli degli ormoni sessuali.

 schermata-2016-12-22-alle-20-57-37-copia