La cannella nel controllo della glicemia.

marzo 20, 2017

La cannella nel controllo della glicemia.

L’incidenza delle malattie cardiovascolari è aumentato da due a quattro volte nelle persone con diabete di tipo 2. Sebbene le cause di diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari sono multifattoriali, la dieta sicuramente gioca un ruolo nell’incidenza e nella gravità di questa malattia metabolica. La dieta ha componenti utili nella prevenzione e nel trattamento di queste malattie, ma si presuppone

che le spezie possono svolgere un ruolo importante di prevenzione. Spezie come cannella, chiodi di garofano, foglie di alloro, e curcuma migliorano  l’attività insulinica e il metabolismo del glucosio e la complessiva condizione delle persone con diabete non solo produce effetti ipoglicemici ma migliorano anche il metabolismo dei lipidi, hanno azione antiossidante. Un numero sempre crescente di erbe aromatiche tendono a produrre effetti ipoglicemici in pazienti con diabete. Esempi di questi fitocomplessi includono il melone amaro, la gymnema, il ginseng coreano, le cipolle, l’aglio, la farina di semi di lino, e nutrienti specifici, tra cui l’acido alfa-lipoico, la biotina, la carnitina, il vanadio, il cromo, il magnesio, lo zinco, e le vitamine B3, E e K.

Molti ricercatori hanno riferito che la supplementazione della dieta dei conigli con fieno greco ha fatto diminuire la quantità sierica totale di lipidi. Nei ratti, foglie di curry e semi di senape hanno diminuito il colesterolo sierico totale, le LDL e la frazione HDL era aumentata. Anche i semi di coriandolo hano avuto gli stessi risultati. La curcuma può anche avere un ruolo nel ridurre il rischio di aterosclerosi.Gli estratti acquosi di cannella hanno dimostrato di aumentare l’assorbimento del glucosio e la sintesi di glicogeno e aumentare la fosforilazione del recettore dell’insulina. Inoltre, questi estratti di cannella sono suscettibili di aiutare a innescare il

sistema a cascata dell’insulina. Poiché l’insulina svolge un ruolo chiave nel metabolismo dei lipidi, si è ipotizzato che il consumo di cannella porterebbe a una migliore qualità del livello del glucosio e dei lipidi nel sangue in vivo.  I livelli di cannella testati in questo studio, 1-6 g al giorno, suggeriscono che c’è

una vasta gamma di possibilità terapeutiche che la cannella può svolgere e che può essere utile  l’assunzione di 1 g al giorno per il controllo del glucosio nel sangue e dei livelli di lipidi.

In conclusione, la cannella riduce la quantità nel  siero di glucosio, di trigliceridi, di colesterolo totale e dei livelli di colesterolo LDL nelle persone con diabete di tipo 2. Poiché la cannella non contribuisce all’apporto calorico, coloro che hanno il diabete di tipo 2 o quelli che hanno elevati livelli di glucosio, trigliceridi, colesterolo LDL, o colesterolo totale possono beneficiare dell’inserimento regolare di cannella nella loro dieta quotidiana. Inoltre, la cannella può essere utile per il resto della popolazione a prevenire e i livelli elevati di glucosio e dei lipidi nel sangue.