Il salta cena aiuta nel perdere peso

aprile 16, 2017

Il salta cena aiuta nel perdere peso

La colazione e il pranzo sono molto importanti per ciascuno di noi, e potrebbe essere il modo migliore per le persone con diabete di tipo 2 per controllare il loro peso e la loro glicemia.

La saggezza comune ci dice che mangiare poco e spesso è meglio.

In uno studio realizzato presso l’Università di Praga è stato raccomandato per le persone con diabete di tipo 2 di mangiare 5 o 6 piccoli pasti al giorno; il problema è che nelle società occidentali, almeno, gli spuntini non sono sani, sono ad alto contenuto di zuccheri e grassi. Quindi nel corso degli anni un regime dove si mangia frequentemente non ha portato a un migliore controllo.

Tuttavia recenti studi, tra cui alcuni in animali e alcuni studi osservazionali, hanno cominciato a suggerire che mangiando poco e più frequentemente, i pasti possono essere più vantaggiosi. I ricercatori hanno osservato che il loro lavoro è il primo studio interventistico per studiare questo tipo di approccio.

Si è osservato che quando i pazienti mangiavano una ricca colazione e pranzo, ma saltando la cena, hanno perso più peso in media e avevano meno grasso epatico e bassa glicemia, insulina a digiuno e glucagone a digiuno rispetto a coloro che consumavano 6 piccoli pasti. I 2 regimi entrambi contenevano esattamente lo stesso numero di calorie al giorno.

Questo è un modo dove anche i pazienti con diabete di tipo 2 possono tranquillamente digiunare per alcune ore ogni giorno .

La ricerca ha coinvolto 29 uomini e 25 donne che erano in trattamento con farmaci via orale con due farmaci per il diabete , di età compresa tra i 30 ei 70 anni.

Sono stati invitati a seguire uno dei due regimi di una dieta ristretta di calorie, ciascuno contenente 500 calorie in meno rispetto alla dose giornaliera raccomandata; in media, i partecipanti hanno consumato 1700 calorie al giorno .

Il gruppo dei 27 ha iniziato il primo regime, composto da sei piccoli pasti al giorno per 12 settimane, mentre il restante 27 aveva 2 grandi pasti, colazione e pranzo, ogni giorno per 12 settimane. Sono poi passati all’altro regime.

La dieta in entrambi i gruppi ha avuto gli stessi macronutrienti e  contenuto calorico.

La perdita di peso è stata più pronunciata in quello del regime dei due – grandi – pasti, dove si è perso circa 1,4 kg in più , in media, di quelli che mangiavano 6 porzioni più piccoli.

Il contenuto della materia grassa epatica è diminuito in risposta a entrambi i regimi, ma maggiormente di più tra quelli che consumavano soltanto la colazione e il pranzo  rispetto a quelli che mangiavano poco e più spesso .

La glicemia a digiuno e i livelli di proteina C sono diminuiti in entrambi i gruppi, ma ancora una volta tali riduzioni sono stati  più pronunciati quando venivano assunti soltanto due pasti al giorno.

E a digiuno il glucagone è diminuito con il regime dei due grandi pasti al giorno, mentre è aumentato tra quelli che consumano sei piccoli pasti al giorno .

Questo è un dato importante perché non è facile incidere sul glucagone, notando che anche più di un gruppo di farmaci per il diabete 2, con l’ eccezione delle incretine, non ha alcuna influenza sui livelli di glucagone .

Questi risultati suggeriscono che per i pazienti diabetici di tipo 2 che seguono una dieta ipocalorica, il mangiare colazioni e pranzi più lauti, può essere più utile che sei  piccoli pasti durante la giornata .

Nuove strategie terapeutiche dovrebbero incorporare non solo il lato energetico e il contenuto dei macronutrienti, ma anche la frequenza e la tempistica del cibo, e la colazione dovrebbe essere il pasto più importante della giornata, e la cena dovrebbe essere leggera”, concludono i ricercatori .