Una dieta povera di sale e acidi grassi saturi per la gotta

maggio 14, 2017

Una dieta povera di sale e acidi grassi saturi per la gotta

Una dieta a basso contenuto di sale e ricca in frutta e verdura  e a basso contenuto di carni rosse, può ridurre il rischio di contrarre lo sviluppo della gotta, secondo i risultati di un grande studio di coorte prospettico pubblicato online il 9 maggio sul BMJ. In alternativa, gli individui che seguono una dieta di tipo americana più tradizionale con elevati tassi di carboidrati e di carne, possono avere un elevato rischio per tale patologia.
Questi dati suggeriscono che la dieta [Dietary Approaches to Stop Hypertension (DASH)] potrebbe offrire una strategia dietetica interessante che sarebbe utile nella prevenzione della gotta e delle sue comorbidità nei pazienti ad alto rischio con iperuricemia, affermano gli autori dello studio condotto sia a  Boston, che a Richmond, Columbia Britannica, in Canada.
Recenti testimonianze hanno suggerito che la dieta DASH riduce i livelli di acido urico nel sangue. La sua composizione è basata sulla  frutta, verdura e latticini a basso contenuto di grassi, ma a basso contenuto di sodio, carne rossa e grassi saturi. È stato dimostrato che riduce il rischio di malattie cardiovascolari, ictus e calcoli renali.
Ora gli autori mostrano che un ulteriore vantaggio per seguire una dieta simile a DASH è che può ridurre il rischio di sviluppare la gotta. I ricercatori hanno analizzato dati dietetici su più di 44.000 uomini di età compresa tra i 40 e i 75 anni.

Gli uomini sono stati seguiti per 26 anni e completato un sondaggio sulla loro dieta e lo stato di salute ogni 4 anni. I ricercatori hanno valutato le diete degli uomini sulla base delle loro abitudini alimentari DASH o su una più comune dieta occidentale con carni rosse, alimenti trasformati e carboidrati complessi.
Le relazioni di studio si sono mantenute anche quando gli autori hanno aggiustato i valori di controllo durante lo studio per altri fattori di rischio che possono contribuire alla gotta, incluso il consumo elevato di alcol, il maggiore indice di massa corporea e l’età più avanzata.

Se i trial futuri comproveranno i vantaggi della dieta DASH, la dieta potrebbe essere particolarmente consigliata per i pazienti con gotta che hanno anche ipertensione e malattie cardiovascolari.
La dieta DASH, che i pazienti riferiscono  piacevole e facile da seguire, può offrire una salute e una diffusione più diffusa alla dieta a bassa concentrazione di  purine.

La gotta è una forma comune e dolorosa di artrite, causata da livelli eccessivi di acido urico nel sangue, che porta alla formazione di cristalli di acido urico nelle articolazioni. A questo punto, i medici spesso trattano la condizione con i farmaci o raccomandano che i pazienti seguano una dieta che sia bassa in carni e altri alimenti ad alto tasso di purine.
Tuttavia, una dieta a basso contenuto di purine non è molto gradevole ed è difficile da seguire. Può anche aumentare inavvertitamente il consumo di carboidrati complessi e grassi non salutari, che possono peggiorare la salute cardiovascolare e metabolica, spiegano i ricercatori. Questo è particolarmente preoccupante perché molti pazienti con gotta hanno malattie cardiovascolari comorbide.
La dieta DASH riflette il modo in cui i cibi vengono consumati in realtà e possono facilitare la diffusione e l’adozione (fornendo istruzioni dietetiche complete e supporto continuo) sia nella sanità pubblica che nella pratica clinica.