Hura brasiliensis

Posted by on Maggio 19, 2016

Hura brasiliensis

dal libro Omeopatia scienza dell’individuo

Origine botanica: Euforbiaceae: Hura crepitans.

Nome comune: Assacu.

Habitat: Brasile.

Rappresentazione analogica/simbolica: Gli indios della foresta amazzonica usano ancora il lattice velenoso dell’albero per imbibire la punta delle frecce durante la caccia; fa parte, come additivo, del composto allucinogeno Ayahuasca (derivante dalla Banisteriopsis caapi, pianta rampicante dagli effetti psicoattivi, contenente alcaloidi armalinici noti come: armina, tetraidroarmina e armalina, tutti antagonisti serotoninergici, inibendo la monaoamino ossidasi).

Proprietà terapeutiche allopatiche: Nella medicina popolare gli infusi dei fiori sono usati a livello topico per la cura dei foruncoli; il triturato di foglie è applicato sui reumatismi.

Il lattice è un potente antielmintico.

Proprietà terapeutiche omeopatiche: Azione sulla pelle e sul retto.

Clinica: Emorroidi, ulcerazioni del retto, cancro del retto. È stato impiegato nella lebbra.

Sintomi generali: Irritabilità nervosa. Faccia rossa congestionata. Dolori pungenti, acuti che esasperano il malato, con pulsazioni. Dolori pungenti al ventre con punture nella regione ileo-cecale che peggiorano muovendosi. Stipsi con bisogni inefficaci e frequenti e, a momenti, diarrea irritante e bruciante, seguita da debolezza. Sensazione di costrizione all’ano con bruciori intensi. Bisogni urgenti d’urinare con dolori ai reni camminando. Sensazione di peso ai testicoli, peggiorano camminando.