l’assunzione regolare di pesce nella dieta può aiutare a proteggere il cervello dall’invecchiamento

Posted by on Settembre 8, 2014

l’assunzione regolare di pesce nella dieta può aiutare a proteggere il cervello dall’invecchiamento

Una nuova ricerca conferma che l’assunzione regolare di pesce nella dieta può aiutare a proteggere il cervello dall’invecchiamento.

In adulti  anziani, cognitivamente sani, che sono stati seguiti a lungo termine, il consumo settimanale di pesce al forno o alla griglia era positivamente associata ad un aumento dei volumi di sostanza grigia nell’ippocampo, nel precuneo, nel cingolo posteriore, e nella corteccia frontale orbitale.

“Il nostro studio dimostra che le persone che hanno assunto nella dieta pesce cucinato al forno o alla griglia, ma non fritto,  hanno maggiori volumi cerebrali nelle regioni associate con la memoria e la cognizione, scrivono gli autori di uno studio pubblicato su Am J Prev Med. online il 29 luglio 2014

I ricercatori hanno analizzato i dati su 260 adulti  anziani cognitivamente normali che hanno fornito informazioni sulla loro dieta mediante un questionario di frequenza alimentare nel 1989-1990 e che sono stati sottoposti a RMN ad alta risoluzione del cervello nel 1998-1999 come parte integrante dello studio longitudinale Cardiovascular Health Study.

Essi hanno scoperto che le persone che mangiavano pesce cucinato al forno o alla griglia  almeno una volta alla settimana, hanno avuto maggiori volumi di materia grigia nel cervello (4,3% e 14%, rispettivamente) in aree  responsabili  per la memoria e la cognizione, dopo un aggiustamento di una serie di cofattori, tra cui l’età , il sesso, e l’istruzione.

Anche se i volumi in queste regioni cerebrali erano significativamente correlati al consumo di pesce, non erano significativamente associati con acidi grassi omega-3 nel plasma, hanno osservato i ricercatori.

I ricercatori hanno trovato una relazione tra i livelli di omega-3 e questi cambiamenti cerebrali, che  ha sorpreso un poco.  Essi concludono che sono stati attinti in un insieme più generale di fattori di stile di vita che  interessano la salute del cervello, e la dieta è soltanto una parte.

Questi risultati suggeriscono che si tratta di “fattori di stile di vita – in questo caso l’assunzione di pesce – e non necessariamente dei presunti fattori biologici che possono influenzare l’integrità strutturale del cervello,” scrivono gli autori.

Lo studio è fondato sul lavoro prioritario di dimostrare che lo  stile di vita per un cervello sano è quello di mangiare pesce al forno o pesce alla griglia, fatto in collaborazione con un mantenimento di un peso sano e di un impegno per una regolare attività fisica.

Nell’articolo si nota che l’acido docosaesaenoico (DHA) e l’acido eicosapentaenoico (EPA) possono influenzare la funzione sinaptica e le capacità cognitive, migliorando la fluidità delle membrane plasmatiche delle sinapsi, che possono ottimizzare la permeabilità della membrana ai cationi e potenziare l’azione di fattori neurotrofici, che a sua volta può promuovere la crescita neuronale e il metabolismo in tali regioni, come l’ippocampo.

Il consumo di pesce può anche ridurre il rischio di demenza, riducendo il peso dei fattori di rischio vascolari, come manifestato dagli infarti dei piccoli vasi nella malattia ischemica nel cervello, così come riducendo l’infiammazione cellulare.

Secondo gli autori, i punti di forza dello studio sono  i dati estesi su valori demografici con una popolazione ben caratterizzata , su dati clinici e fattori di stile di vita, comprese le scelte alimentari, come il tipo e la preparazione del pesce. Tuttavia, la natura trasversale dello studio non può stabilire relazioni causali.