L’incidenza della demenza sta declinando

Posted by on Giugno 30, 2014

L’incidenza della demenza sta declinando

Secondo due recenti studi pubblicati su Lancet, uno nuovo studio basato sull’analisi della  popolazione mostra che l’incidenza della demenza potrebbe essere diminuita nel corso degli ultimi due decenni tra i residenti di Stoccolma con età sui 75 e più anziani. Inoltre, i ricercatori hanno trovato una prevalenza di demenza in calo nel Regno Unito e la dimostrazione che le persone in Danimarca vivono in un’età più avanzata con un migliore funzionamento complessivo.

Nello studio svedese, i ricercatori del Karolinska Institute hanno confrontato un gruppo di uno studio tra gli anni 1987-2000 chiamato Progetto Kungsholmen (KP), con una coorte di uno studio in corso iniziato nel 2001, lo Studio nazionale svedese su Invecchiamento e Cura (SNAC-K) . Dopo aver identificato un sottogruppo in quest’ultima coorte di 1.575 partecipanti con 75 anni e più, i ricercatori hanno trovato che i tassi di prevalenza standardizzati di demenza per il sottogruppo e la coorte precedente erano praticamente identici, una constatazione che è rimasta quando i ricercatori hanno esaminato i gruppi  di età-specifici e sesso-specifico con tassi di prevalenza tra i due gruppi di studio.

Tuttavia, quando i ricercatori hanno confrontato i due gruppi principali dei sottogruppi in base all’età, dai 75 ai 79, dagli 80 ai 84, dagli 85 ai 90, e il più vecchio con più di 90, nonché tra i pazienti affetti da demenza e non, hanno trovato, con l’eccezione delle età del  sottogruppo dei 75 ai 79, un netto aumento della sopravvivenza per la coorte SNAC-K rispetto alla coorte KP, secondo il direttore del Centro Studi per l’Invecchiamento presso l’Istituto Karolinska di Stoccolma.

Per questo periodo, di circa 15 o 20 anni, sembra che vi sia stato un cambiamento nella storia naturale della malattia, hanno detto i ricercatori alla Conferenza Internazionale 2013 sull’Alzheimer. Vediamo che la prevalenza è la stessa, ma il tasso di mortalità è cambiato. I dati, nel loro insieme, suggeriscono che l’incidenza della demenza può essere diminuita in due decenni, almeno in quello svedese, urbano, con popolazione maggiore ai 75 anni. Si deve sottolineare che, anche con questa differenza  è importante pensare che, con la sopravvivenza, molti fattori possono giocare un ruolo.

I risultati del Karolinska Institute e l’eco dei  diversi e recenti studi che hanno analizzato le tendenze di insorgenza della demenza, hanno dimostrato l’evidenza di una incidenza in calo, con importanti implicazioni per il miglioramento della salute e della qualità della vita tra i più anziani. Ad esempio, in un confronto del funzionamento fisico e cognitivo delle due coorti danesi di individui di età superiore ai 90 anni nati con 10 anni di distanza, Christensen e colleghi hanno scoperto che il gruppo nato nel 1915 ha ottenuto significativamente un migliore risultato rispetto alla coorte nata nel 1905 su entrambi i test cognitivi e le Activities of Daily Living score.

I ricercatori hanno offerto diverse possibili interpretazioni di questi risultati. I fattori di rischio vascolari e le malattie correlate sono implicati nella demenza, hanno detto. E sappiamo anche che l’incidenza e la mortalità delle principali malattie cardiovascolari sono diminuite nei paesi ad alto reddito dal 1980.

In termini di implicazioni più ampie, sono state citate delle notizie positive per tutti gli anziani con un rischio diminuito, analizzato a livello individuale, ma messo in discussione per la “generalizzabilità” dei risultati al di là dei soggetti con più istruzione che possono avere stili di vita più sani e di  persone con un’età superiore ai 75. Non sappiamo  se questo è lo stesso per le persone con un’insorgenza precoce della demenza.

Si è anche auspicato  l’effetto di un declino dell’incidenza della demenza sulla salute pubblica.

In un recente studio si è esaminato se il calo dei tassi di incidenza dell’infarto miocardico, dell’ictus e del cancro, potrebbero controbilanciare le future sfide demografiche inerenti sull’invecchiamento della popolazione in Svezia.

Questo è quasi vero per l’infarto miocardico, ma non è vero per il cancro, hanno aggiunto. Se abbiamo una malattia che ha una forte associazione con l’età, una riduzione dei tassi di incidenza sull’ordine di 1% al 2% è sufficiente a compensare le sfide dell’invecchiamento della popolazione.

Ciò che abbiamo dimostrato è che il rischio di demenza può essere diminuito, e questo è dovuto al fatto che possiamo agire soprattutto contro i  fattori di rischio vascolare, hanno detto i ricercatori.