Patate e Diabete

Posted by on Gennaio 4, 2016

Patate e Diabete

L’assunzione costante di patate nella dieta può aumentare il rischio di diabete di tipo 2 e la loro sostituzione con cereali integrali può ridurre questo rischio.

Le patate devono essere considerate come una fonte di carboidrati come i cereali, soprattutto i cereali raffinati, piuttosto che paragonarli a delle verdure e ciò permette di affermare che il loro posto in una dieta salutare non è idoneo.

Tale affermazione viene dal Centro di Osaka per il cancro e la prevenzione delle malattie cardiovascolari, in Giappone, e dalla Harvard TH Chan School of Public Health di Boston, Massachusetts.

Le patate contengono una grande quantità di amido e una relativamente piccola quantità di fibre, vitamine, minerali e polifenoli, con una qualità e quantità di carboidrati che si associa ad un più alto rischio di diabete di tipo 2.

Inoltre, quando le patate sono servite calde il loro amido diventa più facilmente digeribile e aumenta i livelli di glucosio nel sangue più velocemente.

Nello studio effettuato sono stati coinvolti dei partecipanti che non avevano diabete, malattie cardiovascolari o cancro all’inizio dello studio. I ricercatori hanno valutato il consumo di patate con questionari di frequenza alimentare validati.

I ricercatori hanno anche valutato il cambiamento nei 4 anni del consumo di patate. Essi hanno identificato del diabete di tipo 2 con self-report e confermati con un questionario validato.

I risultati hanno mostrato che i partecipanti con un maggior consumo di patate (al forno, bollito, purè, o French Fries) avevano un rischio significativamente più alto di diabete di tipo 2.

Dopo aggiustamenti per livelli demografici, per stili di vita e per fattori dietetici, i partecipanti che hanno mangiato meno di due a quattro porzioni di patate a settimana avevano un rischio aumentato del 7% di diabete di tipo 2, mentre quelli che avevano mangiato sette o più porzioni alla settimana avevano un aumento del rischio del 33% rispetto a coloro che mangiavano meno di una porzione a settimana.

I partecipanti che avevano mangiato patatine fritte avevano un più alto rischio di diabete di tipo 2 rispetto a coloro che le mangiavano al forno, bollite, in purè di patate o rispettivamente.

I partecipanti che hanno aumentato il loro consumo di patate nel corso del tempo – specialmente patatine fritte – ha avuto un aumento del rischio di diabete.

Le stime hanno dimostrato che la sostituzione di tre porzioni a settimana di patate (indipendentemente dal tipo), con cereali integrali farebbe diminuire il rischio di diabete di tipo 2 del 12%.

Il consumo di patate in una sana alimentazione deve essere ridotto per le persone con elevato rischio di sviluppare resistenza al diabete o all’insulina.

Cibi sani come verdure, frutta, cereali integrali e frutta secca, piuttosto che le patate, dovrebbero essere incoraggiati per la prevenzione del diabete di tipo 2.