Probiotici e difesa della pelle

Posted by on Dicembre 1, 2014

Probiotici e difesa della pelle

Una nuova ricerca dimostra che un estratto probiotico in fase di crescita dal microbioma umano potrebbe offrire una terapia topica drug-free per i pazienti con dermatite atopica, e potrebbe proteggere contro l’azione dei biofilm patogeni.

I ricercatori hanno affermato che tale terapia ha funzionato, in termini di ripristino della barriera cutanea danneggiata, in modo equivalente al desametasone.

Inoltre l’estratto ha anche mostrato attività contro i biofilm patogeni, ed ha effetti anti-infiammatori.

Questi risultati sono stati presentati presso l’American College of Allergy, Asthma & Immunology 2014.

I biofilm da Staphylococcus aureus – sia meticillina-resistente (MRSA) che sensibile alla meticillina (MSSA) – svolgono un ruolo importante nei pazienti con dermatite atopica moderata e grave.

Le terapie che possono disturbare questi biofilm hanno un potenziale enorme per ridurre non solo il rischio d’infezione, ma per migliorare altri aspetti della malattia, dal momento che la colonizzazione batterica probabilmente contribuisce all’infiammazione e alla rottura della barriera cutanea.

Non si è voluto rivelare il nome del probiotico perché sono in corso dei copyrights, ma si è affermato che è un batterio con lo status di probiotico certificato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità .
Si tratta di un processo puramente fisico senza prodotti chimici per aumentare la sua attività.

Negli studi presentati, l’estratto topico è stato utilizzato su campioni normali della pelle prelevati da pazienti di chirurgia plastica.

Quando l’estratto probiotico topico è stato applicato sui campioni, l’effetto era simile al desametasone in quanto ha ripristinato l’integrità della barriera cutanea, misurata con il test di impedenza della pelle, che è la capacità della pelle di resistere alla corrente elettrica.

Inoltre, i livelli della proteina filaggrina – una componente critica della barriera cutanea – erano due volte più alti nella pelle trattata con estratto rispetto alla pelle non trattata.

Nel secondo studio, l’estratto probiotico è stato testato per tre proprietà antibiofilm: l’aderenza, l’inibizione e il distacco.

La proprietà antiaderenza è raddoppiata nella pelle trattata con l’estratto, a fronte di quella trattata con gli antibiotici vancomicina e meropenem.
Questi risultati suggeriscono che l’estratto potrebbe sinergicamente sia curare che prevenire il biofilm MRSA nelle malattie croniche della pelle come la dermatite atopica.

Le malattie da biofilm sono comuni. Sono la causa di quasi tutte le infezioni nosocomiali e sono associati con un morbilità e mortalità incredibile.
Generalmente tutti gli antibiotici approvati dalla FDA finora sono stati sempre testati solo in forma fluttuante, non attaccandosi a qualsiasi superficie e poiché i microbi sia patogeni che benigni vivono sulle superfici del corpo preferenzialmente in forma di biofilm. Vivono in comunità protette da polimeri prodotti dall’azione extracellulare microbica che conferiscono un tremenda difesa contro gli antibiotici.