Un’aspirina al giorno toglie il tumore di torno II

Posted by on Ottobre 13, 2014

Un’aspirina al giorno toglie il tumore di torno  II

Delle recenti ricerche hanno indicato che l’aspirina potrebbe ridurre la mortalità globale diminuendo i decessi da tumore, piuttosto che da malattie cardiovascolari.

In realtà, i progressi nel trattamento delle malattie cardiovascolari potrebbero aver eclissato i benefici dell’aspirina.

Uno studio ha suggerito che l’assunzione di aspirina al giorno per circa 5 anni potrebbe diminuire i tumori digestivi del 40%, e porterebbe ad una riduzione del 16% del tasso di mortalità globale da tumore (J Nat Cancer Inst 2012; 104: 1208-1217). Quando questo studio fu pubblicato, gli esperti non raccomandarono l’aspirina per la prevenzione del tumore a causa del rischio di grave sanguinamento gastrointestinale, di ulcere dello stomaco, e di ictus.

Nella loro revisione, i ricercatori hanno esaminato i dati di recenti revisioni sistematiche e di studi individuali sugli effetti dell’aspirina sui principali tumori del tratto digerente, e sui tumori della mammella, della prostata e del polmone.

I risultati hanno suggerito che in 10 anni, da 33 a 127 circa di persone avrebbero bisogno di assumere l’aspirina per prevenire un evento importante, e da 46 a 213 persone avrebbero bisogno di prendere l’aspirina per prevenire il decesso. Le riduzioni dei tumori rappresenterebbero un beneficio dal 61% all’80% dall’uso di aspirina, e dal 30% al 60% di tale beneficio sarebbe pervenuto dalle riduzioni di tumore del colon-retto.

Le prove per la riduzione dell’incidenza e della mortalità da tumore del colon-retto con l’uso di aspirina sono “schiaccianti”, secondo i ricercatori.

Essi hanno trovato una diminuzione dal 30% al 35% del rischio di sviluppare un tumore del colon-retto con l’utilizzazione di aspirina e una diminuzione dal 35% al ​​40% del rischio di decesso da questo tipo di tumore.

Essi hanno anche trovato una diminuzione dal 25% al ​​30% del rischio di sviluppo e una diminuzione dal 45% al 50% del rischio di decesso dal tumore esofageo e una diminuzione dal 25% al ​​30% del rischio di sviluppo e una diminuzione dal 35% al ​​40% del rischio di decesso per tumore allo stomaco. Effetti più piccoli sono stati trovati per quello del seno, della prostata e del polmone.

I vantaggi dell’assunzione dell’aspirina apparirebbero circa 3 anni dopo l’inizio del suo uso. I tassi di mortalità hanno iniziato a diminuire dopo 5 anni, e le dosi giornaliere di 75-100 mg sono stati collegati a degli effetti benefici.

Il più grave danno con l’uso di aspirina è stato l’ictus, ma era piuttosto raro, ma è stato collegato a un aumento del rischio del 21% di mortalità. Il sanguinamento al di fuori delle aree cerebrali era più comune. L’uso cronico di aspirina è stato collegato a un aumento del 60% al 70% nel rischio di morte per sanguinamento del tratto digestivo. Le percentuali di sviluppare e morire di complicazioni del tratto digerente erano bassi per quelli di età inferiore ai 70 anni, ma sono aumentate “rapidamente” per quelli di età superiore ai 70.

Gli studi che contemplino i rischi/benefeci sono da compiere e da valutare.

Pubblicato online il 6 agosto 2014 astratto