Vitamina C ed emorragie intracraniche

Posted by on Luglio 14, 2014

Vitamina C ed emorragie intracraniche

La deplezione di vitamina C è collegata con un aumento del rischio di emorragie intracraniche (ICH).

In uno studio caso-controllo, i ricercatori hanno scoperto che la deplezione di vitamina C era più comune tra i casi di ICH rispetto a quelli dei controlli.

Questo originale studio suggerisce che una bassa concentrazione plasmatica di vitamina C facilita il rischio di emorragie intracerebrali spontanee.

Questo collegamento è probabilmente associato al ruolo della vitamina C nella regolazione della pressione sanguigna e della biosintesi del collagene. Questi risultati forniscono il razionale per gli studi clinici per testare l’efficacia dell’integrazione di vitamina C nella prevenzione dell’ictus emorragico e per ridurre al minimo le complicanze infettive o cutanee nei pazienti affetti da  ICH.

I risultati preliminari dello studio sono stati annunciati a febbraio e sono stati presentati presso l’American Academy of Neurology (AAN) al 66° Congresso.

Lo studio prospettico caso-controllo comprendeva 135 partecipanti, la cui concentrazione plasmatica di vitamina C media era di 45,8 micromol / L.

Di questi partecipanti, il 41% ha avuto uno stato normale di vitamina C (più di 38 mmol / L), il 45% ha mostrato una certa riduzione (11-38 mmol / L), e il 14% erano carenti (meno di 11 mmol / L).

La concentrazione di vitamina C era significativamente più bassa nei 65 partecipanti che avevano avuto una ICH spontanea rispetto ai 65 controlli sani. Tuttavia, i ricercatori non hanno ancora calcolato una probabilità di rischio.

Lo studio ha confermato che i forti fattori di rischio per un forte ICH erano l’ipertensione, il consumo di alcol e il sovrappeso. I ricercatori hanno anche osservato che i pazienti con emorragia intracerebrale lobare erano significativamente più anziani rispetto a quelli con una ICH più profonda.

Oltre ad aumentare il rischio d’infezione per un’alterata  risposta immunitaria, la carenza di vitamina C ha molte altre implicazioni per la salute. La vitamina C (acido ascorbico) è un antiossidante efficace e potrebbe contrastare lo stress ossidativo che svolge un ruolo nell’eziologia della pressione alta.

I ricercatori hanno notato che la maggior parte dei pazienti ipertesi nello studio erano carenti da vitamina C.

Non assumere abbastanza vitamina C può aumentare i rischi per l’aterosclerosi e le malattie cardiache, così come l’ipertensione.

La vitamina C riduce la pressione arteriosa, che può in parte spiegare l’associazione tra assunzione di frutta e verdura e la mortalità per ictus. L’acido ascorbico contribuisce alla biosintesi e alla regolamentazione del collagene, tra cui quella del collagene di tipo IV della membrana basale dei vasi. Il suo depauperamento è responsabile per l’ instabilità del collagene e la sua disfunzionalità con perdita delle sue  proprietà di sostegno, che può portare a emorragie.

Gli autori dello studio hanno fatto diverse altre importanti osservazioni. Ad esempio, la durata del soggiorno nel reparto di terapia neurologica era significativamente più breve (9,8 giorni) per i pazienti con normali livelli di vitamina C rispetto a quelli con bassa  vitamina C  (18,2 giorni).

La degenza  più  lunga in ospedale può essere il risultato di infezioni con complicanze correlate in pazienti con carenza di vitamina C. Oppure, quelli con la deplezione di vitamina C possono avere a che fare con disturbi della pelle, come ulcere, ulcere da pressione, e ritardo di guarigione delle lesioni esistenti.

Sono necessari studi più vasti per esplorare queste relazioni e ipotesi, ma sembra che dovremmo trattare la carenza di vitamina C con la supplementazione di acido ascorbico e una maggiore assunzione di frutta e verdura per limitare le complicanze infettive e cutanee.

Anche i fattori ambientali sono probabilmente coinvolti anche nella relazione tra carenza di vitamina C e ICH, ma sono necessari ulteriori studi in questo settore.

Gli esperti raccomandano 120 mg di vitamina C al giorno, secondo i ricercatori. Anche se una dieta equilibrata con molta frutta e verdura fresca dovrebbe fornire livelli adeguati, i pazienti potrebbero provare a aumentare l’assunzione di cibi ricchi di vitamina, come ad esempio i peperoni crudi (qualsiasi tipo), che contengono circa 200 mg/100 g; succo d’arancia fresco, che ha circa 60 mg per 100 g; il ribes nero; il prezzemolo e i kiwi.

A questo punto, gli esperti non raccomandano la supplementazione di vitamina C, se non vi è alcuna carenza.

Il collegamento tra vitamina C-ICH non è inverosimile, osservano i ricercatori.

La sindrome emorragica e, occasionalmente, l’ICH erano tra le manifestazioni cliniche dello scorbuto, una malattia devastante da carenza di vitamina C che affliggeva i marinai nei secoli passati che non avevano  accesso alla frutta e alla verdura fresca.

66th Annual Meeting della American Academy of Neurology