Vitamina D e depressione

Posted by on Marzo 30, 2015

Vitamina D e depressione

Secondo una nuova ricerca effettuata dall’Università dell’Oregon, si è visto che dei bassi livelli sierici di vitamina D sono associati a sintomi clinicamente significativi di depressione in soggetti altrimenti sani.
I ricercatori hanno svolto una serie di valutazioni su donne sane durante un periodo di 1 mese, e hanno trovato che più di un terzo dei partecipanti ha avuto sintomi depressivi, che quasi la metà ha avuto un’insufficienza di vitamina D, e che i sintomi depressivi sono stati previsti da bassi livelli di vitamina D.
La carenza e l’insufficienza di vitamina D si verificano abitualmente in giovani donne sane, e livelli inferiori di vitamina D3 sono legati a sintomi depressivi clinicamente significativi.
Si è sempre notato e affermato che la depressione sia legata al rapporto con la luce solare e quindi le concentrazioni della vitamina D hanno un significato importante per il depistaggio della malattia depressiva.

Notando che l’integrazione con la vitamina D è a un basso costo, è semplice, e l’intervento è a basso rischio, i ricercatori aggiungono che tenuto conto dei rischi per la salute connessi con la durata della vita e la relativa insufficienza di vit. D, l’integrazione è giustificata.

I ricercatori hanno esaminato 185 studenti universitari di sesso femminile che vivono nel nord-ovest del Pacifico degli Stati Uniti, e studiati dal Centro per gli Studi Epidemiologici della Depressione (CES-D) su scala a livello di base e poi per ogni settimana per 4 settimane.
Inoltre, sono stati misurati i livelli di vitamina D3 sierica e C a livello basale e alla fine del periodo di studio
Tra il 34% e il 41% dei partecipanti ha riferito sintomi depressivi clinicamente significativi, definita come un punteggio CES-D di ≥16, durante il periodo di studio. Un’insufficienza di Vitamina D3 (<30 ng / ml) è stata registrata nel 42% e nel 46% dei partecipanti all’inizio e alla fine dello studio, rispettivamente.

Dopo aver preso in considerazione la stagione, l’indice di massa corporea, la razza / etnia, la dieta, l’esercizio fisico, e il tempo trascorso all’aperto, i ricercatori hanno riscontrato che i livelli inferiori di vitamina D3 in tutto il periodo di studio erano predittivi verso dei sintomi depressivi clinicamente significativi (P <.05).

Per una relazione causale da stabilire, ci sarebbe bisogno che sia dimostrato che l’integrazione con della vitamina D sia in grado di avere un effetto terapeutico o preventivo sulla depressione.
Finora, i risultati di studi che hanno guardato la causalità sono stati misti, ma il risultato importante è che un’aggiunta con integratori a base di vitamina D alle note terapie antidepressive o iniziata in periodi non sospetti di patologia depressiva, può sempre aiutare ciascuno di noi.